Eclissi! Quando Sole e Luna danno spettacolo in cielo

M. Bastoni

Marco Bastoni, l’autore di questo libretto dedicato alle eclissi, è un astrofilo... anzi, un astronomo non professionista, come molti di questi appassionati del cielo preferiscono farsi chiamare. Un termine che personalmente non ho mai gradito molto, sia per via della qualifica negativa – un “non” qualcosa – sia, soprattutto, perché il significato filologico del termine astrofilo molto meglio spiega la vera e propria attrazione per l’astronomia di coloro che la terminologia anglosassone definisce in modo ancora più esplicito: amateur astronomer. E questo termine, a mio avviso, ben si applica a Marco Bastoni, consulente informatico di Parma, esperto in fotografia astronomica e, a quanto si legge dal suo libro, appassionato di eclissi. Una passione che lo ha portato negli ultimi anni a seguire per il mondo il cosiddetto “sole nero”, con alterna fortuna, come racconta egli stesso; ma, si sa, le incognite meteorologiche sono sempre state l’angustia degli astronomi.

Questa passione, tuttavia, non viene esplicitamente dichiarata dall’autore, se non nel “Prologo” e nell’“Epilogo”, celandosi però fra le righe dei quattro capitoli in cui il cui il testo è suddiviso.

Si tratta, infatti, di un libro decisamente tecnico, pur se estremamente chiaro, rivolto a istruire il lettore in tutte le procedure necessarie per osservare e registrare eclissi di Sole e di Luna.

Non vi si trovano se non minimi e sparsi cenni alla storia delle eclissi e di tutto quello che tali spettacolari fenomeni hanno prodotto nell’immaginario collettivo, una storia che, pur se forzatamente sintetica, avrebbe arricchito la lettura del testo, ma che evidentemente non è nelle corde “tecniche” dell’autore, il quale, invece, si dilunga (e giustamente) nella dettagliata spiegazione di quali sono i moti dei tre corpi celesti in gioco – Sole, Terra e Luna – che li portano a occultarsi vicendevolmente con una regolarità nota. Si tratta del ciclo di 18 anni, 10 giorni e 8 ore, già evidenziato in ambito mesopotamico tra il secondo e il primo millennio a.C., cui venne dato il nome di saros da Edmond Halley alla fine del Seicento, probabilmente da un’unità di misura babilonese.

Si prosegue con la descrizione dei metodi da utilizzare per ottenere buone riproduzioni fotografiche e cinematografiche, sia con una normale fotocamera, sia con la stessa applicata a un telescopio amatoriale; alcuni suggerimenti anche su come successivamente elaborare al computer le immagini digitali, per ottenere effetti spettacolari o maggiori informazioni astronomiche. Tutto questo sia per le più rare e difficili da osservare eclissi di Sole, che per le più frequenti eclissi di Luna.

Tabelle per le eclissi che avverranno su tutta la Terra fino al 2050 con le relative carte geografiche con le zone di totalità arricchiscono il volumetto, oltre a un inserto di 4 pagine a colori.

Conclude il testo una descrizione delle «prossime eclissi da non perdere», che ci spiega, così, come la prossima eclisse di Sole visibile dall’Italia avverrà nel marzo 2015, ma sarà solo parziale, mentre quella di Luna del settembre successivo sarà totale. Per poter osservare un’eclisse totale di Sole dalla nostra penisola si dovrà attendere il 3 settembre 2081... e noi cercheremo di esserci!

In definitiva, non si tratta certo di un libro da leggere la sera a letto, ma di un agile manuale da tenere ben a portata di mano da parte di chi vuole rivolgersi all’osservazione di un’eclisse con il desiderio di ottenerne delle interessanti registrazioni, cosa che certamente non fa perdere comunque il fascino della contemplazione di un “sole nero” o di una “luna rossa”, quel fascino che spinge migliaia di appassionati del cielo in giro per località lontane e spesso disagevoli.

F. Bònoli
Dipartimento di Fisica e Astronomia - Università di Bologna

M. Bastoni
Eclissi! Quando Sole e Luna danno spettacolo in cielo
Springer-Verlag Milano, 2012
pp. IX + 131; € 20.00
ISBN 978-88-470-2711-4