Vincitori Premio per la Comunicazione Scientifica

2021

Miriam FOCACCIA, Centro Fermi, Roma, Raffaella SIMILI, Università di Bologna e Alessandro SCILLITANI, Artemide Film s.a.s.
per l'ideazione e la realizzazione del docufilm “Una cattedra per Laura Bassi. Bologna 1732”, che ha diffuso e reso fruibile al grande pubblico l'opera e la figura della fisica Laura Bassi, eccezionale pioniera della fisica sperimentale del Settecento.

2020
Adele LA RANA, University of California Riverside, CA, USA
per la sceneggiatura del documentario “La Scelta. Edoardo Amaldi e la Scienza senza confini”, lavoro esemplare di comunicazione scientifica che scaturisce anche da un’approfondita attività di ricerca storica e d’archivio e da una preziosa raccolta di testimonianze orali.

2019
Alberto DIASPRO, Dipartimento di Fisica, Università di Genova e Dipartimento di Nanofisica, IIT, Genova
per il notevole impegno su vari fronti della comunicazione scientifica, in particolare per la sua attività di pubblicista su importanti quotidiani e di autorevole organizzatore del Festival della Scienza di Genova.

2018
Alessandra SALETTI, Ufficio Stampa Università di Trento
per la realizzazione dell'originale progetto iconografico Trento-Solvay dedicato alle donne nella fisica, il cui successo mediatico è stato di immediato impatto su scala nazionale e internazionale.

2017
PONYS (Physics and Optics Naples Young Students), Sezione EPS Young Minds, Napoli
per aver organizzato, riscuotendo grande successo, l’evento Parco Avventura Scientifico 2017, che ha promosso la diffusione delle conoscenze di fisica nei quartieri di Napoli con disagio sociale, restituendoli così alla cittadinanza in un nuova veste dall’ alto valore sociale ed educativo.

2016
Giovanni CAPRARA, Milano
per la sua lunga attività di giornalista scientifico e, in particolare, di autorevole cronista per il grande pubblico delle conquiste della fisica.

2015
Marcos VALDES, Pisa
per il coordinamento del progetto Immersioni Virtuali nella Scienza (Virtual Immersions in Science – VIS) della Scuola Normale Superiore di Pisa, un progetto innovativo per la varietà delle attività di Comunicazione Scientifica che racchiude, rivolto in maniera particolare agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado.

Elisabetta BALDANZI, Firenze
per la responsabilità scientifica del progetto INO CNR nell’ambito di Horizon 2020, un progetto europeo di Comunicazione Scientifica che, nell'Anno Internazionale della Luce e Tecnologie basate sulla Luce (IYL 2015), è rivolto alla promozione della fotonica e del suo impatto innovativo verso giovani, imprenditori e pubblico in generale.