Antigone Marino - Napoli

Marino

Curriculum Vitae

È ricercatrice presso l'Istituto di Scienze Applicate e Sistemi Intelligenti CNR. Si è laureata in fisica all'Università di Napoli Federico II nel 2000. Nello stesso ateneo ha conseguito il dottorato di ricerca nel 2004. Le sue attività di ricerca sono concentrate sullo studio dell'interazione radiazione materia in soft matter.

È attualmente membro del board of directors della Optical Society (OSA) Foundation, e Ambasciatrice dell'OSA. Nonché editor del Journal of the Optical Society A, di EuroPhysics News e di Il Giornale di Fisica.

Nel 2007 fonda l'International OSA Network of Students, una rete di giovani ricercatori in ottica. Sulla base del successo di questa iniziativa, la European Physical Society (EPS) le chiede nel 2010 di mettere su un analogo network di giovani fisici. Nasce così il progetto EPS Young Minds, di cui è a capo fino al 2016.

Tutte queste attività, unitamente a quelle di ricerca, le sono valse diversi premi e riconoscimenti, tra cui l'EPS Achievement Award nel 2016, e l'Outstanding Young Professionals Award dell'OSA nel 2015.

Antigone ha sempre lavorato in gruppo, riconoscendo e valorizzando la bellezza del lavoro di squadra. Ama la divulgazione, perché condividere la sua attività di ricerca vuol dire darle un senso per il sociale.

Dichiarazione di intenti

Sono membro della SIF dal 2009, e in questi dieci anni ho portato avanti parecchie iniziative che avevano la SIF come partner. Sento che è venuto il momento di impegnarmi di più, offrendo alla comunità il mio servizio come Consigliere.

Ci sono due aspetti che mi stanno a cuore, e sui cui spero di poter dare un contributo se eletta.

Il primo è quello della comunicazione. Le tipologie di mezzi di comunicazione evolvono in maniera così rapida, che un mancato adeguamento a queste evoluzioni, può creare un divario generazione. La SIF ha già elaborato delle strategie nell'ultimo triennio, ma la rapidità dell'evoluzione fa sì che siano necessarie iniziative ancora più sostanziali, nel campo dell'editoria scientifica e dei social media.

Il secondo riguarda i giovani e la loro partecipazione alle attività della SIF. Le iniziative prese dal Consiglio anni orsono hanno fatto sì che finalmente i giovani fisici conoscono e si iscrivono alla SIF. Tuttavia i giovani non sembrano essere propositivi e attivi. Proprio per questo mi sembrerebbe positivo mettere in atto una serie di iniziative mirate a renderli membri attivi.

In qualità di ricercatrice CNR infine, spero che la mia eventuale elezione possa aiutare un coinvolgimento sempre maggiore del dipartimento di fisica del CNR all'interno della SIF.