Angela Bracco - Milano

A. Bracco

Curriculum Vitae

Angela Bracco è Professore Ordinario di Fisica Sperimentale presso l'Università degli Studi di Milano. I suoi interessi di ricerca sono sempre stati nel campo della fisica nucleare, con particolare attenzione all'indagine sulla struttura nucleare. Ha realizzato sperimentazione in ambito di collaborazioni internazionali presso i principali laboratori in Europa, Nord America e Giappone. È associata all'INFN, è utente dei Laboratori Nazionali del Sud (LNS, Catania) e dei Laboratori Nazionali di Legnaro (LNL, Padova) dell'INFN e per questi ultimi ha contribuito alla costruzione di apparati per la sperimentazione.

Per l'INFN ha avuto il ruolo, per due mandati, di Presidente della Commissione Scientifica Nazionale di Fisica Nucleare (CSN3) ed è stata membro del Consiglio Direttivo dell'INFN come rappresentante MIUR.

Ha lavorato in diversi comitati nazionali e internazionali per finanziare agenzie e laboratori di ricerca in Europa, Nord America e Giappone.

È stata nel periodo 2012-2017 Presidente del Nuclear Physics European Collaboration Committee (NuPECC), comitato di esperti della European Science Foundation (ESF), durante il quale si è impegnata nella stesura del piano strategico (Long Range Plan 2017) a livello europeo.

È Chair del Consiglio Scientifico dell'ente pubblico di ricerca denominato Museo Storico della Fisica e Centro Studi e Ricerche "Enrico Fermi" (Centro Fermi).

Ha lavorato come valutatrice in diverse commissioni scientifiche a Bruxelles per la Commissione Europea.

È stata membro per due mandati del Comitato Esecutivo dell'European Physical Society (EPS) e attualmente è membro del Committee on International Scientific Affairs (CISA) dell'American Physical Society (APS).

È membro dell'Academia Europaea dove svolge il ruolo di Vicepresidente della sezione di Fisica e Ingegneria.

Dichiarazione di intenti

La Società Italiana di Fisica (SIF) è ben riconosciuta sin dall'inizio (1897) per il suo importante ruolo di riferimento per la comunità dei fisici e il suo prestigio nazionale e internazionale che è cresciuto notevolmente negli anni. Questo è stato il risultato del forte impegno e della dedizione dei Presidenti e dei Membri del Consiglio che hanno promosso iniziative e idee nuove e al passo coi tempi per i diversi fronti in cui la SIF opera.
Riporto sotto alcuni brevi commenti sulle molteplici attività svolte per mettere in evidenza sia l'importanza che la necessità di continuare con successo sul solco tracciato.

L'associazione alla SIF – Poiché i soci sono il cuore pulsante della società sarà importante, come recentemente fatto, continuare a rinnovarsi per tenersi al passo coi tempi e attrarre ulteriormente i soci giovani e meno giovani. Nei prossimi anni si dovrà anche lavorare per rafforzare il dialogo con le altre società nel settore della fisica e per creare le condizioni per realizzare possibilmente un ambizioso progetto di federazione di queste società sul modello, per esempio, dell'American Institute of Physics (AIP).

I giovani e la SIF – Un ruolo chiave che questa società svolge per i giovani è quello di sviluppare in loro un forte spirito di appartenenza in termini scientifico-culturali e di prestigio e di offrire loro la possibilità di interconnettersi facilmente a livello europeo. La collaborazione con la recente associazione AISF (Associazione Italiana Studenti di Fisica) e quella con l'iniziativa internazionale YM (Young Minds) dell'EPS (European Physical Society) dovranno essere seguite con attenzione per migliorarne gli aspetti di integrazione. I suggerimenti dei membri di queste associazioni saranno sicuramente preziosi.

La SIF e la sua voce nella società civile – Le dichiarazioni, mozioni e analisi fatte dalla SIF riguardano non soltanto la comunità dei fisici ma hanno in generale un peso e un impatto sulla società civile (come ricerca, trasferimento tecnologico, istruzione, università, valutazione ...). Nelle sue analisi la SIF si muove e muoverà anche in futuro in collaborazione con gli enti di ricerca (e.g. Centro Fermi, CNR, INAF, INFN, INRIM, ...) per produrre documenti di grande utilità come "L'impatto della Fisica nell'Economia Italiana". Dati di questa natura saranno anche utilizzati per nuove analisi su scala internazionale. Infatti, l'EPS lancerà a settembre 2019 il suo secondo studio (dopo quello del 2013) sull'importanza della fisica a livello europeo. Sono anche rilevanti gli studi da intraprendere in collaborazione con altre società di fisica, come il recente rapporto SIF-SoNS "Neutron Science and Facilities – A Strategic Review and Future Vision for Italy". Altri ambiti dove la voce della SIF ha avuto e deve continuare ad avere influenza sono quelli delle riforme in campo delle professioni (sia pure con alcune difficoltà di percorso), dell'istruzione, della ricerca e della sua valutazione, e dei dibattiti su vari argomenti come energia e ambiente.

La SIF, l'EPS e altre società di fisica internazionali – La SIF ha un ruolo importante nel'ambito della European Physical Society (EPS) ed è nota in tutto il mondo grazie alle sue molteplici attività, alle sue scuole post-universitarie, ai suoi premi e alle sue pubblicazioni. Nel''EPS, diversi fisici italiani occupano posizioni di rilievo sia nella gestione delle varie divisioni e comitati che nell'organizzazione di conferenze che spesso si tengono in Italia. I rapporti con le altre società di fisica si sono particolarmente intensificati, grazie anche all'iniziativa dell'International Year of Light (IYL) nel 2015 che ha fornito un'ottima occasione di collaborazione con numerose altre società europee (come IOP, DPG, SFP) ed extra europee (come APS, AAPPS) e cui ha fatto seguito l'International Day of Light (IDL) che, dal 2018, si celebra ogni anno il 16 maggio. Attualmente un'interessante prospettiva di cooperazione e internazionalizzazione si sta inoltre concentrando sui paesi "scientificamente emergenti" e su questo nei prossimi anni la SIF dovrà avere un ruolo di rilievo.

La SIF e Varenna – La Scuola Internazionale di Fisica Enrico Fermi della SIF ("Scuola di Varenna"), ben conosciuta in tutto il mondo con i suoi oltre 200 corsi, rappresenta l'attività di maggiore prestigio della SIF. La recente EPS-SIF International School on Energy è stata di successo ed è giunta alla sua quinta edizione. I rendiconti di questi corsi e scuole, pregiati testi di riferimento, sono pubblicati dalla SIF. Per garantire un sempre maggiore successo ai corsi di Varenna sarà importante, prendendo spunto da quanto fatto in passato, individuare progetti e iniziative su cui realizzare corsi con contributi mirati e in sinergia con enti, università, istituzioni e anche industrie, a livello locale, nazionale ed europeo.

La SIF e le altre società scientifiche – L'interazione della SIF con le altre società scientifiche come quelle di astronomia, chimica o matematica (come SAIt, SCI, UMI ...) deve essere sempre migliorata, in particolare su temi di comune interesse come ad esempio la didattica, la figura professionale scientifica, al ruolo delle donne, l'inserimento dei giovani. Quest'anno, in particolare, è in corso un'attiva collaborazione con la Società Chimica Italiana (SCI) per le celebrazioni dell'International Year of the Periodic Table of Chemical Elements (IYPT). Mi aspetto che nuove problematiche da affrontare in un'ottica "federativa" potranno emergere dalle vare interazioni e da vari lavori come quelli della Commissione Didattica Permanente (CDP) della SIF che in passato ha sempre avuto un ruolo unificante.

I premi della SIF – I numerosi premi e borse della SIF per i giovani mirano al riconoscimento di nuovi talenti ai massimi livelli di eccellenza. A questi si aggiungono vari altri premi, il Premio Occhialini (in collaborazione con l'IOP) e soprattutto il Premio Fermi, tutti ormai molto noti e ambiti. Recentemente sono stati attivati tre nuovi interessanti premi: il Premio Friedel-Volterra (in collaborazione con la SFP), il Premio Bignami (in collaborazione con la SAIt) e il Premio per la Comunicazione Scientifica, aperto anche a non fisici. La solenne cerimonia di premiazione inaugurale ai congressi annuali della SIF, rappresenta e deve continuare a rappresentare per tutti i fisici italiani un attraente punto d'incontro e di vivace dibattito.

La SIF e l'editoria – Un indubbio punto di forza della SIF sono le sue pubblicazioni. Le pubblicazioni interamente sotto l'egida dalla SIF vanno tutte mantenute, in quanto valide e di diversa tipologia. IL NUOVO SAGGIATORE è un'apprezzata rivista di diffusione e approfondimento, fruibile anche online e su App. Articoli di rassegna sono pubblicati in LA RIVISTA DEL NUOVO CIMENTO mentre IL NUOVO CIMENTO C pubblica online e open access atti di convegni internazionali che hanno luogo esclusivamente in Italia. Il GIORNALE DI FISICA (con i suoi vari supplementi) e i QUADERNI DI STORIA DELLA FISICA forniscono articoli di valore storico e didattico, anche questi fruibili online.
Oltre alle riviste la SIF dovrà continuare a pubblicare volumi tematici, possibilmente con grande valore storico e scientifico come nel caso dei volumi "Enrico Fermi e il quaderno ritrovato" (2015), "Ettore Majorana – Scientific papers" (2018), "I Fisici Senatori 1848-1943" (2019).
Per l'editoria SIF a partenariato europeo, attualmente sia EPL sia la serie di sezioni tematiche di THE EUROPEAN PHYSICAL JOURNAL (EPJ) sono stabili o in fase crescente in termini di numeri di pagine prodotte e/o di IF. EPJ PLUS, la rivista solo online derivata da IL NUOVO CIMENTO B e lanciata nel 2010, ha avuto negli anni una notevole crescita. Per quanto riguarda queste pubblicazioni, la politica editoriale è decisa congiuntamente con i partners europei. In questi anni la SIF ha diminuito l'impegno nella produzione ma nello stesso tempo ha aumentato quello nella gestione degli uffici editoriali e quindi si è mantenuta al passo coi tempi ottenendo riconoscimento a livello europeo.
La politica editoriale della SIF dovrà ricevere la massima attenzione anche in futuro in modo da assicurare a questa società di avere sempre un ruolo centrale. Nei prossimi anni un particolare impegno sarà anche richiesto per gestire al meglio l'attuale fase di transizione verso un'editoria scientifica in open access, concentrandosi sull'obiettivo di non mai perdere di vista la qualità delle sue pubblicazioni, dalle riviste, ai proceedings, ai volumi.

La SIF e la comunicazione – La visibilità e quindi l'impatto della SIF sono fortemente influenzati dalla comunicazione che richiede un costante aggiornamento dei suoi mezzi con una serie di azioni precise e mirate. In quest'ambito la recente newsletter elettronica (con edizioni mensili), SIF PRIMA PAGINA, a complemento de IL NUOVO SAGGIATORE, che viene inviata a circa 15.000 lettori, continua ottenere grande consenso e nei prossimi anni la sua distribuzione dovrà essere ulteriormente ampliata. La SIF si occupa anche di distribuire la newsletter internazionale e-EPS. L'aggiornamento del sito web e della pagina Facebook, con maggiori attrattive, e la realizzazione di nuove App sono essenziali per la comunicazione e in quest'ambito saranno fatti i dovuti sforzi.

La SIF e altro – Le attività promosse negli ultimi anni hanno dimostrato la versatilità della SIF a realizzare i più svariati e innovativi progetti. Sono decollati da poco o stanno per decollare progetti innovativi come "Spazio bambino", al congresso nazionale, su iniziativa del neonato Comitato Pari Opportunità (CPO) della SIF, o come il "Point of Presence" della SIF presso il Centro Fermi, che è destinato a essere un punto di riferimento per futuri progetti congiunti. La SIF ha avuto in generale molto successo nelle sue molteplici attività grazie all'impegno e alla dedizione dei membri del personale, che portano avanti con professionalità ed entusiasmo tutti i loro compiti specifici e rendono la SIF una casa accogliente per i fisici. Questa è un’eredità preziosa da custodire con cura e da valorizzare.

Nei prossimi anni sarà certamente necessario adoperarsi per mantenere intatta l'eccellente reputazione di questa società ed eventualmente accrescerla. Mi sono convinta, dopo varie riflessioni, a lanciarmi in questa sfida consapevole che la presidenza della SIF è molto impegnativa ma nello stesso tempo anche molto stimolante. Infatti questo ruolo mi darà la possibilità di lavorare armoniosamente in squadra con i consiglieri, i precedenti presidenti, il personale e tutti coloro che, grazie al loro forte e motivato coinvolgimento nelle varie attività, contribuiranno al successo della SIF.